Bonus vacanze

Stessa spiaggia, stesso mare con un contributo

Il credito vacanze è un’agevolazione fiscale prevista per sostenere il comparto turistico fortemente colpito dalla crisi, per incentivare i cittadini a trascorrere le vacanze in Italia.

Spetta ai nuclei familiari con un ISEE inferiore ai 40.000€ in questa misura:

  • 500€ per nuclei formati da più di 2 persone
  • 300€ per nuclei di due persone
  • 150€ per i nuclei formati da una persona soltanto

Copre servizi di vitto e alloggio fatturati da un’unica impresa turistica, quindi non è possibile frazionarlo su più operatori. Si chiederà il bonus su un’unica fattura o documento fiscale emessa da un solo ente e riportante il codice fiscale dell’utente.

Il pagamento non deve transitare da portali web che non siano agenzie viaggi o operatori turistici. Quindi, non vale la ricevuta di Booking.com ad esempio.

Come viene erogato questo bonus? 

L’importo spettante viene erogato secondo die modalità:

  • 80% sotto forma di sconto diretto, praticato dal fornitore
  • 20% da portare in detrazione in dichiarazione dei redditi

Il fornitore, a fronte dello sconto che ci ha praticato, riceverà un credito di imposta di pari importo che potrà compensare con il pagamento dei tributi oppure cedere a terzi (tra cui banche e intermediari finanziari) monetizzando così il voucher.

Siamo ancora in attesa che l’Agenzia delle Entrate si pronunci sulle  procedure operative per poter effettivamente riscuotere il bonus.

 

I video di questo modulo